La Pubalgia; un fastidioso disturbo che colpisce molti sportivi.

Moltissimi sportivi, durante la propria attività sportiva agonistica o amatoriale, incorrono in questo disturbo molto spesso sottovalutato nella fase iniziale, perchè, nella prima fase, la comparsa dei primi sintomi, permette di continuare a svolgere la propria attività, spesso per consigli errati o trascuratezza della situazione l’atleta insiste nell’attività provocando spesso una situazione infiammatoria grave. Nella maggior parte dei casi, la pubalgia rientra tra le “patologie da sovraccarico”, la cui origine si fa risalire a una serie di microtraumi ripetuti nel tempo che possono creare danni a livello dei punti di inserzione sull’osso pubico di diversi muscoli, tra cui addominali e adduttori. In pratica, si tratta di un dolore muscolo-tendineo (mioentesite) che riguarda diversi gradi di lesione dei muscoli della zona frontale e bassa dell’addome e della sinfisi pubica (articolazione fra le due ossa pubiche)».

Continua a leggere

La Pubalgia…

PUBALGIA: “dolore nella zona pubica adduttoria”, sindrome dolorosa poco caratterizzata clinicamente, dovuta a infiammazione dei muscoli adduttori della coscia in corrispondenza della loro inserzione alla sinfisi pubblica. E’ frequente nei calciatori, la pubalgia vera può essere determinata anche da allenamenti inapropriati, o carenti in qualcosa ( esempio: stretching ), o eccessivi ( esempio : sovraccarichi di lavoro ). A volte tale fastidio può comparire nella prima fase del riscaldamento, poi man mano che la muscolatura è ben riscaldata e pronta per svolgere l’allenamento, il dolore si attenua, ma nella maggior parte dei casi persiste e non permette di proseguire con l’allenamento. Continua a leggere