la coppettatura….i segni rossi sulla spalla di Phelps (Rio2016)

La coppettazione moderna, quella applicata ai giorni nostri è una pratica terapeutica propria della medicina cinese e fa parte delle pratiche terapeutiche esterne (come il massaggio cinese TuiNa, la Moxibustione).

Fu Ippocrate, medico greco del III-IV secolo a.C.  a gettare le basi teoriche della coppettazione e a fornire indicazioni precise sulla modalità corretta di applicazione. la Coppettazione era una metodica molto utilizzata per la sua potente azione disperdente e mobilizzante/scollamento tessutale che si addice molto alle algie da Freddo/Umidità o da Calore/Umidità e da traumi.

images

La coppetta è costituita da un vasetto di vetro o ceramica o di bambù del diametro di 5 cm circa che viene applicata sulla cute in precisi punti o aree per ottenere l’effetto di sottovuoto terapeutico sulla cute. La coppettazione non ha una base scientifica e sembra efficace solo nel controllo del dolore, nonostante le deboli indicazioni scientifiche anche le evidenze di efficacia terapeutica sono piuttosto deboli. La tecnica non è esente da effetti collaterali (anemia, iperpigmentazione, embolia, ustione, panniculite, ascessi cutanei e meningei).Continuando con la stoira di questa terapia, in Cina rientrò tra le tecniche curative che utilizzano il calore della medicina tradizionale cinese associata spesso al massaggio e all’agopuntura. . Anche in India, in Vietnam, in Corea, in Giappone e in Sud America si hanno notizie sull’uso delle coppette a scopo terapeutico. Alcuni immagini conservate in testi mesopotamici fanno riferimento a questa pratica ed essa figura anche tra nelle tecniche sciamaniche utilizzate per “estirpare” la malattia dal corpo. Dal medioevo in avanti vi è stato un utilizzo eccessivo e improprio della coppettazione, tanto da screditarne l’efficacia e invalidarne i benefici. Fu Bernard Aschner, medico austriaco, che agli inizi del ‘900 la rivalutò e introdusse tale pratica tra le tecniche terapeutiche.

cupping1

La teoria degli “Umori”

La coppettazione rientra nella categoria delle terapie “devianti” cui fanno parte tutte quelle metodiche antiche che si sono conservate fino ai nostri giorni nella medicina popolare o naturale e che vengono tuttora utilizzate in naturopatia o nella terapia olistica. Le coppette si basano sull’antico concetto degli umori secondo cui tutte le funzioni dell’organismo sono regolate da quattro “umori” che devono restare in equilibrio per garantire la salute della persona e sono:

• il sangue

• il flemma

• la bile gialla

• la bile nera

In caso di squilibrio, si può intervenire con le coppette in modo da disperdere gli umori in eccesso, attraverso la pelle, o indirizzandoli verso organi di riferimento sfruttando i percorsi linfatici.

coppettazione-1

Metodo di applicazione:

Prima di applicare le coppette, è sempre meglio che il terapista effettui un colloquio preliminare con un’analisi delle problematiche dell’individuo che si sottopone al trattamento. L’operatore, deve, prima di applicare al paziente che non conosce la terapia, di fornire informazioni sulle modalità del trattamento e sulle eventuali controindicazioni; infine, come in tutte le terapie manuali è doveroso stabilire insieme gli obiettivi e i traguardi che si intende raggiungere e i tempi necessari. Come in tutte le terapie, bisogna sempre dubitare della professionalità del terapista se questi preliminari non vengono effettuati.

Dopo questa prima analisi conoscitiva, il terapista individua le zone dove verranno applicate le coppette sulla pelle integra e assolutamente rasata, poiché la presenza di peli potrebbe diminuire la capacità di aspirare il sangue stagnante, gli umori e l’energia “congelata”. Un’azione più forte e una durata più lunga serviranno per stimolare al massimo il drenaggio dei liquidi e delle tossine; un livello di intensità più bassa andrà a sollecitare meglio il flusso energetico. I metodi di applicazione sono di due tipologie, a caldo e a freddo:

coppettazione a caldo: si esegue mediante coppette di vetro all’interno della quale viene accesa una “fiammella” che scalda l’aria all’interno della coppetta e viene appoggiata sulla cute; il conseguente raffreddamento dell’aria interna crea una diminuzione del volume dell’aria che avrà un effetto aspirante con un innalzamento (o rigonfiamento) della pelle di media intensità. Per un’azione più energica e intensa viene bagnata con alcool la parete interna della coppetta e avvicinata la fiamma che brucerà più rapidamente l’ossigeno disponibile al suo interno.

coppettazione a freddo: si esegue mediante delle piccole “campane” di vetro o di plastica, dotate di una valvola posta al suo apice alla quale si può applicare un pallone di gomma , per generare un effetto aspirante più lento e dolce, oppure una sorta di “pompa” che permette di regolare l’intensità.

Vi sono poi tecniche di coppettazione statiche e dinamiche:

statiche: le coppette restano ferme nei punti scelti inizialmente associati ad esempio ai punti lungo i meridiani dell’agopuntura cinese; per un’azione riflessa sui punti maggiormente dolenti alleviando da algie e contratture.

dinamiche: viene prima cosparsa la zona da trattare con olio per massaggio per favorire lo scorrimento delle coppette, che verranno manovrate con una direzione che andrà dall’alto verso il basso fino ad ottenere un leggero arrossamento della cute dovuta ad un maggiore afflusso di sangue in quella precisa zona. In questo modo si interviene in tutti gli stati di ansia e di depressione. Un’azione di scorrimento opposto,cioè dal basso verso l’alto,è indicato, invece, per il drenaggio dei fluidi e l’eliminazione delle tossine. In generale lo scorrimento è sempre utile in tutte le contratture e le situazioni infiammatorie.

Avvertenze

È sempre consigliabile che le coppette non vengano mai appoggiate sulla cute lesa o che presenti piaghe cutanee e su parti sensibili. È anche controindicata durante la gravidanza, in tutte quelle situazioni di indebolimento fisico e laddove vi siano gravi patologie del sangue. Trova un’ottimale applicazione per tutte le sindromi da freddo e da umidità; da ottimi risultati nelle affezioni dell’apparato respiratorio, come bronchiti e asma. La coppettazione ha ottimi risultati in caso di sindromi ansiose e ansioso-depressive, e in caso di insonnia ed ipertensione. Tra gli effetti collaterali può verificarsi la comparsa di segni sulla pelle dal colore rosso-violaceo. Sono “macchie” che nel giro di pochi giorni tendono a scomparire e sono causati dal richiamo di sangue che crea l’effetto “aspirante” e di vuoto.

FIVB - Beach Volleyball Swatch World

FIVB – Beach Volleyball Swatch World

Ora viene utilizzato anche nello sport di alto livello come antidolorifico e decontratturante di zone muscolari fibrose per apporto di vascolarizzazione di zone muscolari dolenti. Come detto in precedenza è una terapia millenaria che tramite la medicina cinese è ritornata di moda anche nel mondo occidentale, ha sicuramente degli effetti terapeutici, taumaturgici, vascolarizzanti, di scollamento, ma effetti di risoluzione di patologie a livello scientifico non hanno ancora avuto esiti e stati evidenziati

Annunci

Pubblicato il 11/08/2016, in Benessere, MASSAGGIO, MASSAGGIO SPORTIVO con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Molto interressante, bravo. In inglese si chiama “cupping”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: