Bandelletta Ileo Tibiale, nemico del runner…neofita?

La sindrome della bandelletta ileo-tibiale è anche detta “il ginocchio del corridore”.Si tratta infatti di un processo infiammatorio della zona laterale del ginocchio (il tratto ileo-tibiale della fascia lata) che colpisce prevalentemente i runner, i fondisti, i ciclisti e gli sportivi in genere non ne sono del tutto esclusi. Anatomicamente prende origine dalla la fascia lata, questa la possiamo descrivere come una fascia che lateralmente alla coscia, partendo dal tratto mediale dell’ance zona testa del femore arriva lateralmente al ginocchio e riveste i muscoli lateralmente della coscia stessa ed il tratto ileo-tibiale è quello che passa lateralmente al condilo esterno del femore e si inserisce sul perone . Proprio a causa della sua conformazione anatomica, durante la corsa la bandelletta subisce una serie di microtraumi che possono provocare l’insorgenza della sindrome della bandelletta ileo-tibiale o del ginocchio del corridore.
LE CAUSE: la sindrome della bandelletta ileo-tibiale è spesso una sindrome da sovraccarico le cui cause possono essere fatte risalire ad un concorso di fattori predisponenti o di tipo sportivo.
images-1I fattori congeniti predisponenti sono spesso di natura anatomica come il varismo del ginocchio, il varismo della tibia, la prominenza del epicondilo femorale laterale, una dismetria degli arti inferiori ed il piede tendente alla pronazione, le situazioni condizionali di tipo sportivo unite ai sopracitati fattori congeniti predisponenti possono causare ripetuti microtraumi provocando molto spesso il processo infiammatorio. Le cause esterne che possono causare tale sindrome possono essere, soprattutto nel runner, a corsa su piani inclinati, cambi di direzione imporovvisi, chilometraggio eccessivo senza la necessaria gradualità di carico, un brusco aumento di carico e di volumi di allenamento; il tipico caso è quello del runner neofita che nella foga di migliorare velocemente o raggiungere obiettivi importanti nel breve periodo brucia le tappe per esempio dalle passando dalle corse iniziali di  7/8km alla mezza maratona o dai 10000mt alla maratona in un tempo molto breve. Altri fattori che possano portare alla sindrome ci sono anche la scelta di percorsi che presentano un’alternanza eccessiva di salite e discese, gli allenamenti per la forza esplosiva particolarmente intensi, un’altro fattore di rischio molto spesso non considerato è il sovrappeso. Un parere molto personale ma ritengo anche che la corsa su terreni molto sconnessi possa provocarne l’insorgenza in quanto “l’appoggio” del piede peggiora e quindi la fase di controllo, per mantenere una stabilità efficiente ricade molto spesso in un extra lavoro a carico del ginocchio e dell’anca guarda a caso le zone di inserzione e origine della fascia lata. Per ultima tipologia di corsa che può indurre alla patologia possimo inserire anche la corsa collinare, questo tipologia di corsa utilissima come attività allenante però aumenta la flessione del ginocchio (soprattutto in discesa).
itbsLa sintomatologia insorge in maniera molto subdola e generalmente all’improvviso: all’inizio si manifesta in maniera sorda in modo continuo ma non acuto, come si manifesta poi sembra attenuarsi con il passare dei km, ma che aumenta di nuovo fino a condizionare la dinamica della corsa al termine della seduta. Il dolore si presenta logicamente nella zona laterale del ginocchio e si esacerba con la digitopressione a ginocchio flesso sul condilo laterale del femore. Con il passare dei giorni, se il quadro non migliora, il dolore induce a ridurre i km e la velocità della corsa. Eventuali indagini strumentali  non servono tanto alla diagnosi, volendo, possono però servire per escludere eventuali altre patologie collegate che hanno manifestazioni cliniche simili come tendinite distale del bicipite femorale, una tendinite poplitea, una lesione del menisco laterale, una cisti sinoviale, la gonartrosi laterale, o gli esiti di una ricostruzione crociato anteriore. COme indagine si può effettuare una radiografia o meglio un’ecografia

IL TRATTAMENTO: Il primo trattamento che può dare sollievo è la crioterapia: applicare la borsa del ghiaccio localmente per 10-15 min. subito dopo la corsa ma anche durante la giornata. logicamente se il dolore è molto acuto è necessario un riposo dalla corsa di 10-20 giorni. (Nel caso in cui il problema non si risolva, normalmente lo specialista ortopedico consiglierà dei FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) e dei miorilassanti oltre alla sospensione della corsa.) Naturalmente concordo con l’ortopedico, ma dal punto di vista fisioterapico ritengo molto utile rilassare e detendere la fascia lata con esercizi di stretching e con della massoterapia.

Consiglio inoltre delle sedute di laserterapia locale per ridurre l’infiammazione, preferendo non sospendere completamente l’allenamento ma cercando però di eliminare le cause scatenanti sopra citate (corsa in discesa, ritmi veloci, eccessiva pronazione …. ecc.).Consiglierei inoltre di eseguire oltre allo stretching del tensore della fascia lata anche quello a carico dei muscoli ischio-crurali,adduttori e quadricipite e cioè rispettivamente dei muscoli posteriori, interni e anteriore della coscia.

images-2

images-3

Molto utile può essere anche il rinforzo dei muscoli piccolo e medio gluteo oltre al tensore della fascia lata. Da notare che sostituire temporaneamente la corsa con sport alternativi come la bici può essere controproducente perché aumentano di numero le sollecitazioni sul ginocchio addirittura a gradi maggiori di flessione, molto meglio il nuoto.

Fonti:
Dromas Liscate;
Fisiologia Articolare “arto inferiore” I.A.Kapandji ed. Monduzzi 2007.

Annunci

Pubblicato il 09/11/2013, in MASSAGGIO, MASSAGGIO SPORTIVO con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: