Falsi miti? un pò di info sul bicarbonato di sodio ed il picolinato di cromo nello sport….

BICARBONATO DI SODIO
Il bicarbonato di sodio è un antiacido che viene utilizzato nella pratica sportiva per cercare di neutralizzare il lattato (acido lattico) che si accumula nei muscoli; perchè questo avvenga secondo gli ultimi studi sono necessari dosaggi estremamente elevati.
PRINCÌPI FISIOLOGICI: il bicarbonato è una sostanza alcalinizzante e come tale rappresenta un sistema efficace per tamponare l’acidità del lattato prodotto dai muscoli durante un intenso sforzo fisico.
Sono note invece tutti gli effetti collaterali ad un uso di eccessive dosi di bicarbonato di sodio che possono provocare diarrea esplosiva, crampi addominali, vomito e meteorismo.

Gli effetti del bicarbonato sulla performance fisica, beneficio ergogenico nella performance, (viene definito beneficio ergogenico ogni fattore esterno in grado di determinare un miglioramento delle performance fisiche), di lavoro aerobico ad alta intensità;
– riduzione dell’affaticamento e miglioramento del recupero (dovuto ad un aumento della glicolisi ossidativa);
– compensazione dei processi di affaticamento durante il ciclismo aerobico ad alta intensita;
– aumento RPE (indice di percezione dello sforzo);
– effetto ergogenico nelle gare dagli 800 ai 1500 m di corsa;
– aumento della quantità di lavoro prodotta e della potenza massimale in cicli ripetuti di lavoro anaerobico.

Bicarbonato di sodio, gli effetti collaterali: diarrea presente nel 50% degli atleti che lo assumono; tale inconveniente può essere ovviato prendendo la sostanza in varie dosi ogni 20′ a partire da 3 ore prima della gara continuando fino a 1 ora prima della parrtenza e bevendo abbondantemente fino a 30′ dalla partenza. L’integrazione di 20 gr, (dose per un uomo di 70 kg di peso) apporta 5 gr di sodio nell’organismo con conseguente ipernatriemia, ipertensione, minor sudorazione e maggior stimolo della sete.
L’apporto ottimale sembra essere quello di 300mg (0,3 g) di bicarbonato per Kg di peso corporeo.

PICOLINATO DI CROMO
Il cromo è un minerale essenziale necessario soprattutto per la corretta funzionalità dell’insulina, la quale svolge un ruolo molto significativo sia nel metabo­lismo degli zuccheri, che nell’utilizzazione delle proteine e degli acidi grassi da parte dell’organismo. In questo senso il cromo serve come cofattore per potenziare funzione insulinica (Un suo deficit può infatti portare ad intolleranza al glucosio). La dose necessaria e sicura varia tra i 50 e i 200 mcg.

Effetti:
• aumento della massa muscolare
• diminuzione del grasso corporeo
• rappresenta una valida alternativa agli steroidi
• aumenta la sensibilità all’insulina

Alimenti contenenti cromo: cereali integrali, frutta e verdura, lievito di birra, germe di grano, fegato, broccoli, prugne secche, noci, e formaggio.

Rischi principali:
Alcuni studi hanno dimostrato che l’acido picolinico contenuto nel picolinato di cromo può alterare la ghiandola parotidea influenzandone negativamente sia la forma che la funzionalità cellulare.
Sono stati evidenziati casi di danno renale a dosi elevate.

Queste sono le informazioni di chi suggerisce l’uso si questi integratori, ma c’è anche chi la pensa diversamente e dice:

INFORMAZIONI GENERALI sul Bicarbonato di Sodio:
– Nel nostro organismo il bicarbonato è presente nel sangue e nelle cellule ed è deputato alla regolazione del pH dei tessuti.

EFFICACIA ED USO CLINICO:
– Viene utilizzato per neutralizzare l’acidità delle urine e del sangue (effetto tampone), causata ad esempio da problemi renali o da diarree gravi. Il bicarbonato diminuisce anche l’attività degli acidi gastrici (effetto antiacido).

POTENZIALI EFFETTI NELLA PRATICA SPORTIVA:
– Anni or sono si è pensato di utilizzare il bicarbonato di sodio per neutralizzare l’acido lattico che si accumula nei tessuti durante l’esercizio fisico prolungato, provocando una sensazione di affaticamento generale; in realtà, per ottenere questo effetto contro l’acido lattico accumulato nei tessuti durante l’attività sportiva, occorrono dosi molto alte di bicarbonato. Gli studi clinici non dimostrano un chiaro miglioramento dell’attività fisica a seguito di consumo di bicarbonato.

EFFETTI COLLATERALI E RISCHI:
– Chi assume il sodio bicarbonato non deve sottovalutare il rischio che si manifestino effetti indesiderati come diarrea esplosiva, crampi allo stomaco, vomito ed eccessiva formazione di gas nell’intestino con senso di gonfiore all’addome (flatulenza e meteorismo).

CLASSIFICAZIONE DEL COMITATO INTERNAZIONALE OLIMPICO e dal WADA:
– Sostanza non classificata

CONCLUSIONI:
– L’assunzione di bicarbonato di sodio non risulta così conveniente prima di una gara visto il rischio di fastidiosi effetti collaterali che si possono verificare proprio durante l’attività fisica.

e sul CROMO PICOLINATO….c’è chi dice:

Alcuni studi (peraltro limitati) hanno cercato di dimostrare che questo composto ha effetti antidepressivi nella Depressione atipica  Mentre follow-up più ampi hanno fallito nel dimostrarlo

Alcune organizzazioni commerciali promuovono il cromo picolinato come aiuto allo sviluppo fisico degli atleti e come sostanza dimagrante. Ma numerosi studi non hanno dimostrato gli effetti del composto sia sulla crescita del “Muscolo”.

C’è chi sostiene che l’integrazione del cromo nella forma picolinata riduca l’Insulino resistenza, ma una “Metanalisi” di vari studi sull’argomento ha mostrato che non c’è alcuna associazione tra il cromo e la concentrazione di glucosio o insulina per i non-diabetici, mentre nei diabetici i risultati degli studi presi in considerazione sono inconcludenti e non significativi. Questa metanalisi è stata accusata di avere escluso risultati di studi significativi. Trials successivi hanno dato risultati ambigui sull’argomento

In un resoconto di tutti i trials si è concluso che il cromo picolinato non ha nessun effetto sulle persone sane, sui diabetici potrebbe avere un effetto benefico ma ciò manca di una evidenza forte.

Uno studio sostiene che il cromo picolinato dà più facilmente danno al DNA e mutazioni che altre forme di cromo trivalente ma i risultati sono dibattuti da un altro studio. Altri studi indicano che il composto è sicuro anche ad alti dosaggi. Nei topi l’integrazione dietetica di cromo picolinato produce difetti scheletrici nella prole. Nei moscerini della frutta Drosophila melanogaster il cromo picolinato produce aberrazioni cromosomiche e impedisce lo sviluppo della progenie, causa sterilità e mutazioni letali.

Conclusioni; siccome le ricerche su questi integratori danno risultati molto discordanti il mio consiglio è di aspettare esiti più certi sull’assunzione di queste sostanze, per provare l’effettiva efficacia sulle prestazioni sportive.

Fonte: web

Annunci

Pubblicato il 14/05/2011 su Senza categoria. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Commenti disabilitati su Falsi miti? un pò di info sul bicarbonato di sodio ed il picolinato di cromo nello sport…..

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: